Gaber-Scik

Di e con Pieluigi Iorio.

Cantautore, attore e uomo di cultura, attraverso la sua originale produzione Giorgio Gaber ha scritto un’importante pagina della storia italiana, riuscendo a dare spazio alla riflessione e al dubbio e facendo nascere ,negli ascoltatori, la consapevolezza e la speranza pur di fronte alle numerose contraddizioni della realtà. Le singole situazioni, sfaccettature della vita e del pensiero, contengono temi sempre attuali e vari:
la solidarietà, l’accoglienza, il consumismo, l’amore, la politica, la modernità. Tutto è descritto con la potente arma dell’ironia, capace di lanciare messaggi profondi e di rendere il teatro- canzone (genere da lui creato) vero e proprio teatro civile, ora comico, ora crudo, mai volgare sempre al passo coi tempi. Il dramma, l’ironia, le tensioni generazionali, la politica, l’ampio spettro del sentire quotidiano,
il dualismo utopia- realtà, vengono inscenati ora da monologhi, ora da citazioni e ora da canzoni.
Si è voluto attingere ampiamente dal repertorio politico con l’intento di verificare anche a distanza di anni se, aldilà di alcune riletture, i brani selezionati mantengano ancora una loro attualità e validità. Le istituzioni, comunque, vengono più evocate che dichiarate e si fondono con temi quali il sociale e il privato.